Alimentazione e Nutrizione Vegana

Alimentazione e Nutrizione Vegana

Un vero e proprio stile di vita; Tra le motivazioni alla base di questa scelta ci sono la salute e il benessere, seguiti molto da vicino dall’amore e dal rispetto per il mondo animale.

Cosa significa essere vegani? Non mangiare alcun cibo animale, vale a dire non mangiare mammiferi, volatili o pesci e i loro prodotti, cioè latte, latticini, uova e miele.

Gli ingredienti di base della cucina vegana sono verdura, cereali, legumi, frutta, frutta secca, in questi cibi possiamo trovare tutti i nutrimenti necessari per un’alimentazione sana ed equilibrata.

Bisogna capire che sono migliaia i piatti appetitosi che si possono preparare, che sono per lo più i piatti della nostra tradizione mediterranea. Moltissimi dei cibi che si mangiano abitualmente sono già di per sé vegani, ma spesso non ce ne rendiamo conto.

Programma
  • I cereali: per cereali s’intende ogni tipo di chicco ricavato dalle spighe delle piante (riso, farro, orzo, grano, cous cous, avena, ecc.) o i prodotti suoi derivati (farine, paste, pane, latte vegetale, ecc.). Sono alimenti ricchi di carboidrati complessi, proteine e fibre, vitamine del gruppo B e vitamina E, nonché minerali, ferro, magnesio e selenio. Si possono cucinare in diverse varianti, anche le farine, dalla pasta alla pizza, dalle focacce alle torte.
  • I legumi: per legumi si intendono tutti i vegetali la cui pianta è formata da baccelli che contengono vari tipo di fagiolo. Fonte primaria di proteine: il contenuto medio di proteine di 100 g di legumi secchi non ha nulla da invidiare al contenuto medio in proteine di 100 g di carne cruda. Forniscono anche ferro e zinco, sono inoltre un’eccellente fonte di fibre e acido folico, spesso scarsi in una dieta omnivera. Si preparano nelle zuppe, minestre, in insalata lessati, stufati, in purea, in polpette al forno ed in padella, in patè da spalmare, fare gustose frittate se è disponibile la farina di ceci.
  • Frutta secca e semi oleosi: per frutta secca s’intende dotata di guscio (noci, nocciole, arachidi, mandorle, ecc.), per semi oleosi s’intende semi di zucca, sesamo, girasole, papavero, ecc.) Contengono sostanze nutritive come: selenio, minerali, ferro, zinco, magnesio.
  • La verdura: tutti gli ortaggi sono ricchi di vitamine e fibre, acido folico, riboflavina, vitamine del gruppo A, C, E, K. Minerali: potassio, magnesio, calcio, ferro, e sostanze fitochimiche.
  • Frutta e frutta disidratata: la frutta è un cibo ricco di fibre e sostanze fitochimiche e inoltre è un’ottima fonte di acido folico, beta-carotene, vitamina C e potassio. Oltre alla frutta fresca allo stato naturale, quella che si coglie dalla pianta o dall’albero, vanno considerati anche tutti i prodotti a base di frutta: succhi di frutta, frutta sciroppata, seccata e disidratata, surgelata.
  • Oli e condimenti: in questa categoria comprendiamo tutti gli olii vegetali e i “grassi solidi” sempre di origine vegetale, oltre che altri prodotti a base di grassi usati per condire o guarnire (maionese, panna vegetale, ecc.).
  • Bevande vegetali: latte di riso, latte di soia, totalmente privo di lattosio e colesterolo, ecc.
  • Ingredienti della tradizione orientale: glutine di frumento, seitan, tofu, latte di soia, tempeh.
  • La besciamella vegana, burro di soia, olio d’oliva e uso delle bevande vegetali.
  • Come bilanciare una dieta vegana: nutrimenti essenziali – assicurare apporto di ferro, calcio, proteine e vitamine.
  • Ricettario vegano

Corso di 15 lezioni in videoconferenza – Frequenza 1 sera a settimana – Posti 15 – Euro 590,00

Potrebbero interessarti anche...

× Possiamo aiutarti?