Perchè iscriversi al corso Difesa personale-Tecniche Krav Maga e Zenshin Budò

 

difesa personale

L’offerta dell’Università Popolare Magna Carta per la difesa personale sono due: Difesa Persona – Tecniche Krav Maga e Zenshin Budò-Percorso marziale evolutivo.

Il mondo attuale ci pone nuove sfide quotidianamente. Una fra tutte è quella di saper gestire la nostra paura, il nostro riuscire a stare con gli altri senza scivolare nell’aggressività o nell’eccessiva ingenuità. Difendersi è un diritto e prendersi cura di se stessi è un dovere che dobbiamo a noi in prima istanza. Un corso di difesa personale insegna a gestire emozioni, paure ad aver un maggior controllo su se stessi e sui propri movimenti, a sventare la possibilità di essere aggrediti, nonché a rispondere all’avversario in caso di scontro diretto. Le motivazioni che possono spingere alla frequentazione di un corso di difesa personale sono molteplici: la maggior parte delle persone pensano che sia un corso dedicato alle donne, ma in realtà chiunque può frequentare questo corso: oltre ad acquisire nozioni di pratica sull’autodifesa, vengono insegnati l’autocontrollo, necessario se ci si ritrova a dover affrontare situazioni di pericolo e come prevenire certe situazioni modificando comportamenti inconsci che possono farci sembrare possibili prede.

Se una donna decide di frequentare un corso di difesa personale non è mai per una forma di velleità, ma per un bisogno reale di maggiore sicurezza. Per le donne frequentare un corso di difesa personale è un bisogno dettato da una paura reale, essendo le prime a subire violenza a livello statistico come è tristemente noto. Una donna che si affaccia al mondo della difesa personale cerca qualcosa di reale, di efficace, ha bisogno di acquisire strumenti in tempi rapidi, strumenti che non siano necessariamente “belli” ed “eleganti” ma che siano potenti, determinanti, dei validi ausili in caso di pericolo. I corsi proposti lavorano essenzialmente su tecniche impostate per essere efficaci e in tale direzione la rapidità dei tempi, l‘efficacia indipendente dalla forza fisica, la concretezza del risultato sono i punti di forza che si differenziano da un corso standard di difesa.  Sono rivolti quindi a tutti indistintamente, uomini o donne, che intendono mettere la propria sicurezza personale come priorità e che desiderano fare anche un percorso marziale carico di storia. I corsi sono rivolti anche a professionisti della sicurezza, buttafuori che vogliano approfondire tecniche innovative ed efficaci.

Andiamo a scoprirli nel dettaglio.

Difesa Persona – Tecniche Krav Maga

Il Krav Maga è un sistema di combattimento nato a metà del secolo scorso per addestrare l’esercito dello stato di Israele. Si basa su un approccio scientifico e realistico al combattimento secondo cui, in una situazione di pericolo, gli obbiettivi primari sono la salvaguardia di se stessi e dei propri compagni e la neutralizzazione dell’ostacolo nel minor tempo e con il minor sforzo fisico possibile. Per raggiungere tale scopo é indispensabile agire su punti sensibili del corpo dell’aggressore, classificati in base all’entità del danno provocabile. Imi Lichtenfeld, ritenuto il padre del Krav Maga, ha perciò sintetizzato tecniche provenienti da diverse arti marziali e discipline di combattimento per creare un sistema estremamente efficace e veloce da apprendere in grado di contrastare attacchi a mani nude o con armi da taglio, da fuoco e contundenti. Nel corso degli anni è stato via via impiegato anche dalle forze dell’ordine e da personale addetto alla sicurezza, affermandosi poi come sistema ideale anche per la difesa personale in ambito civile. I tempi di apprendimento del Krav Maga sono ridotti rispetto alle arti marziali tradizionali e gli insegnamenti sono rivolti anche alle donne ed alle persone non più giovani, grazie all’impiego di tecniche studiate per fruttare al meglio le possibilità fisiche e psicologiche dei vari soggetti.

Il vero Krav Maga non è un’arte marziale o uno sport da combattimento, ma un sistema codificato, reale, pragmatico efficace e di veloce apprendimento che addestra ad una reazione logica e rapida in caso di aggressione. Nelle tecniche del Krav Maga non vi è nulla di superfluo o estetico, ma solo estrema efficacia, istintività, condizionamento, velocità di esecuzione delle combinazioni fino all’eliminazione del problema, che può voler dire: sia dileguarsi che colpire o fuggire. Attualmente il Krav Maga è stato adottato da molti reparti speciali militari e di Polizia al mondo, è in uso in alcuni reparti speciali in Italia, in alcuni comandi di Polizia locale, e in vari reparti dell’Esercito.

Le lezioni saranno impartite dal Maestro Internazionale Marco Ceccarini, Responsabile tecnico nazionale  del Krav Maga US Acli.

Zenshin Budò-Percorso marziale evolutivo

Il Budō (武道) è la via marziale giapponese. Il termine è composto dagli ideogrammi kanji bu (武) e dō (道), che si possono tradurre come Via marziale, Via della guerra, oppure Via che conduce alla pace, Via che conduce alla cessazione della guerra attraverso il disarmo. Budo è la via marziale legata alla tradizione culturale Giapponese. Una via che parte dall’esperienza fisica, oggettiva del jutsu, la tecnica, per poi inabissarsi profondamente in un cammino interiore di ricerca. Un cammino legato ad insegnamenti tanto antichi quanto attuali, tramandati di generazione in generazione che ogni giorno trovano linfa vitale nel confronto con la vita reale.

Lo scopo degli antichi maestri era quello di liberarsi della fondamentale paura della morte, proprio attraverso la pratica delle arti marziali. Essi riconoscevano anche che uccidere, come veniva insegnato dall’antico Bujutsu, non permetteva di risolvere questo problema; perciò trovarono nella filosofia Zen il mezzo per raggiungere il loro scopo. Essi sospesero la battaglia con il loro nemico e la rivolsero contro il proprio Io. In questo consiste anche oggi il grande valore del Budo. Mentre i Maestri rivolgevano contro se stessi i medesimi metodi che utilizzavano contro il loro avversario, nasceva un’arte della vita proprio dall’arte marziale della morte. Un esercizio severo divenne il mezzo per scoprire i limiti fisici e spirituali e per rivolgere il desiderio di ricerca, innato nell’uomo, al perfezionamento delle sue capacità interiori. La pratica del Budo può condurre l’uomo all’armonia con se stesso e il mondo. Attraverso il superamento dell’Io, che vale come importante presupposto per la Via, egli può imparare, nella pratica, a riconoscere se stesso e a realizzarsi come uomo. Se il praticante dovesse respingere questa condizione e cercare invece la perfezione formale, egli non potrà riconoscere la Via.

Questi principi fusi con la filosofia Zen aprono a una ulteriore interpretazione di “difesa”. Appunto la difesa diventa un mezzo per conoscere se stessi e con l’adeguata meditazione si aiuta a bilanciare gli impulsi contraddittori che alimentano le nostre essenze. Nell’addestramento zen, niente viene lasciato al caso, anzi, anche il caso, l’inaspettato, diventano maestri, occasioni importanti per auto-osservarci e comprendere veramente a che punto siamo. Nello zen impariamo a riconoscerle e ad esserne consapevoli, in ogni momento della nostra vita.

Questo corso è rivolto a tutti coloro (uomini e donne) che vogliono far proprie le diverse tematiche che acconsento di acquisire autocontrollo, fiducia, lucidità, in caso di situazioni contingenti, oltre che esse consigliato a chi lavora nel settore della sicurezza affinando le proprie capacità professionali.

Elementi decisivi sia nella meditazione che nel combattimento, sono la determinazione, intesa come costanza e presenza e la capacità di creare e concentrare una propria energia. Una presenza totale deve caratterizzare ogni azione, istante dopo istante.

Il corso attraverserà i diversi aspetti della difesa personale,  dell’autodifesa e della sopravvivenza urbana.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

× Possiamo aiutarti?